EconPapers    
Economics at your fingertips  
 

Etica ed economia: i fondamenti della teoria economica islamica

Renata Livraghi

QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO, 2019, vol. 2019/110, issue 110, 159-181

Abstract: Lo scopo di questo saggio è quello di evidenziare i principi economici dell’economia islamica che è fondata su principi religiosi fondamentali e immutabili, imposti da Dio (Allah), contenuti nel Corano e realizzati dagli uomini credenti, con modalità diverse di interpretazioni, dalla legge Shariah, intesa come "la via maestra per giungere alla salvezza". La ummah (comunità) è il fondamento della fede islamica. Allah ha progettato una comunità e sostiene che la realizzazione di ciascuna persona avviene nella dinamica della comunità. Nella teoria economica dell’Islam non vi è quindi un problema di scelta; vi è solo un problema di volontà, intesa come capacità di adeguamento della persona agli insegnamenti di Allah e di appartenenza all’ummah. Nel Corano, si legge che sia gli uomini, sia le donne pos-sono detenere proprietà e vanno concesse pari condizioni di accesso all’istruzione e ai benefici sociali. Ambedue i sessi devono però impegnarsi, per ampliare la pro-pria capacità intellettuale, preservare la propria salute e contribuire allo sviluppo economico e sociale dello stato. Il Profeta Muhammad considerava «l’impegno dopo la conoscenza» come «un precetto religioso per tutti i musulmani». Nel Co-rano si prevede che le persone diano la Zakat alla comunità, sotto forma di "decima", per eliminare la povertà e per disincentivare l’accumulazione della ricchezza, non destinata alla produzione. La legge della Shariah prevede poi interventi di po-litica economica che servono a correggere gli squilibri determinati dai mercati con-correnziali. Essi sono la Waqf che è la destinazione di una parte della ricchezza in-dividuale, per la creazione di sistemi particolari di welfare state e la Riba che vieta l’usura e cerca di disincentivare i redditi da interesse. Vi sono altre due pratiche che sono vietate: il divieto dell’incertezza o rischio eccessivo (gharar) e divieto della speculazione (maysir, letteralmente significa gioco d’azzardo). Il modello teorico, dell’economia islamica, è di natura normativa, pur privilegiando l’azione dei mer-cati concorrenziali. Gli individui appartengono a una comunità il cui compito è quello di contenere le diseguaglianze del reddito e di operare per la crescita dello sviluppo umano.

Keywords: Dottrine religiose; scelte collettive; benessere; comunità (search for similar items in EconPapers)
Date: 2019
References: Add references at CitEc
Citations: Track citations by RSS feed

Downloads: (external link)
http://www.francoangeli.it/riviste/Scheda_Rivista. ... 023&Tipo=ArticoloPDF (text/html)
Single articles can be downloaded buying download credits, for info: http://www.francoangeli.it/riviste/inglese_download_credit.asp

Related works:
This item may be available elsewhere in EconPapers: Search for items with the same title.

Export reference: BibTeX RIS (EndNote, ProCite, RefMan) HTML/Text

Persistent link: https://EconPapers.repec.org/RePEc:fan:quaqua:v:html10.3280/qua2019-110008

Ordering information: This journal article can be ordered from
http://www.francoang ... ti.aspx?startCode=DC

Access Statistics for this article

QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO is currently edited by FrancoAngeli

More articles in QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO from FrancoAngeli Editore
Bibliographic data for series maintained by Angelo Ventriglia ().

 
Page updated 2020-04-28
Handle: RePEc:fan:quaqua:v:html10.3280/qua2019-110008