EconPapers    
Economics at your fingertips  
 

La zakat islamica

Agostino Bertolotti

QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO, 2019, vol. 2019/110, issue 110, 183-205

Abstract: Questo saggio vorrebbe porre in risalto il fatto che a prescindere dagli scismi che hanno segnato la storia dei popoli Islamici e delle varie forme di governo nei paesi Musulmani, l’ideale di uno stato islamico fondato sulle regole del Corano rimane un ideale da perseguire e implementare dalle comunità Islamiche e dai singoli fedeli. La società che ha prodotto i principi, che regolano la riscossione delle tasse, stava espandendosi ben al di là dei confini dei territori tribali della Penisola Arabi-ca. Le conquiste militari e l’espansione conseguente, fecero insorgere, il problema della spartizione del bottino e della formazione di entità statali nei territori di recen-te conquista. La formazione di una potente base militare, prima a Kufa e più tardi a Raqqa, e l’attraversamento del fiume Amu Darya favorirono la formazione di sistemi amministrativi e fiscali per il califfato, che si stava espandendo con sempre nuove conquiste durante le tre decadi dei primi quattro califfi. Il califfato, dagli inizi dell’espansione Musulmana, assunse le caratteristiche dello stato islamico ideale, anche se sin dalla fine del periodo dei Rashidun la co-munità Islamica aveva cessato di essere una realtà esclusivamente Araba. Il califfo Omar creò il diwan per dare al califfato una stabilità finanziaria a lungo termine appropriandosi, in quanto autorità suprema della Umma, di larga parte del bottino ottenuto dalle conquiste. L’amministrazione califfale avrebbe agito per garantire il benessere generale della Umma. Nei territori conquistati i Musulmani rimasero a lungo una minoranza e tutta-via formarono la base per una lenta ma inesorabile islamizzazione e arabizzazio-ne di moltitudini nel Medio Oriente, in Nord Africa e in Asia. Le regole elencate nell’articolo vorrebbero mostrare come i capi religiosi, quelli militari, i califfi e le entità che formarono servendosi delle regole coraniche e della loro interpretazione, furono universalmente comprese e accettate dai Musulmani nella loro relativa semplicità ed elementarità.

Keywords: Sistema di tassazione dell’Islam; tassazione della ricchezza; benes-sere e redistribuzione; doveri religiosi; prassi della tassazione; califfato (search for similar items in EconPapers)
Date: 2019
References: Add references at CitEc
Citations: Track citations by RSS feed

Downloads: (external link)
http://www.francoangeli.it/riviste/Scheda_Rivista. ... 024&Tipo=ArticoloPDF (text/html)
Single articles can be downloaded buying download credits, for info: http://www.francoangeli.it/riviste/inglese_download_credit.asp

Related works:
This item may be available elsewhere in EconPapers: Search for items with the same title.

Export reference: BibTeX RIS (EndNote, ProCite, RefMan) HTML/Text

Persistent link: https://EconPapers.repec.org/RePEc:fan:quaqua:v:html10.3280/qua2019-110009

Ordering information: This journal article can be ordered from
http://www.francoang ... ti.aspx?startCode=DC

Access Statistics for this article

QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO is currently edited by FrancoAngeli

More articles in QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO from FrancoAngeli Editore
Bibliographic data for series maintained by Angelo Ventriglia ().

 
Page updated 2020-04-28
Handle: RePEc:fan:quaqua:v:html10.3280/qua2019-110009